Risotto alle carote viola e zeste di cedro

Era da un po’ di tempo che sentivo parlare di questa varietà di carote, quando poi le ho trovate sono state una piacevolissima scoperta… un po’ il loro colore ma sopratutto per la loro dolcezza. Volevo farmi un risotto e allora mi son ricordata di avere del pecorino di fossa, dal sapore dolce – piccante e dal profumo ricco di aromi di legno che, secondo me, ben si sarebbe legato con queste deliziose carote. Ed ecco come mi sono sbizzarrita:

Ingredienti per 2 persone:

  • 160 g di riso Carnaroli;
  • 130 g di carote viola;
  • 1 scalogno piccolo;
  • brodo vegetale qb;
  • 25 g di burro;
  • 50 g di pecorino di fossa;
  • zeste di cedro bio (o di limone) qb;
  • sale, pepe del bengala qb.

Preparazione a modo mio:

In una casseruola sciolgo metà del burro e soffriggo lo scalogno tritato finemente. Unisco le carote tagliate a brunoise che lascio stufare per 5 minuti. Aggiungo il riso lasciandolo tostare quindi lo porto a cottura bagnandolo di tanto in tanto con il brodo bollente. Regolo di sale ed a cottura ultimata manteco il risotto con il burro rimasto, il pecorino grattugiato, le zeste di cedro ed una spolverata di pepe del bengala.

 

Alici nel paese degli Agrumi

Le alici, una delizia questo pesce azzurro! mi piacciono molto fatte così: a parte il lavoro iniziale di pulitura, lungo, noioso ma relativamente semplice, il piatto è facilissimo e velocissimo da fare! mi raccomando: le alici devono essere freschissime e dovete passarle nell’abbattitore o nel congelatore, come dicono qui.  I problemi determinati dall’Anisakis, il parassita che possiamo trovare nel pesce crudo, possono essere molto gravi, pertanto fate le cose con attenzione. Il piatto io l’ho fatto e lo continuerò a fare rispettando quanto suggerito da Mauro Bertuzzi nel suo articolo.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di alici;
  • 200 g di succo d’arancia;
  • 100 g di succo di limone;
  • 2 cucchiai di aceto di mele;
  • sale qb;
  • pepe rosa in grani qb;
  • aneto fresco qb;
  • zeste di arancia e limone qb;
  • olio extravergine di oliva “Olio Flaminio D.O.P. UMBRIA”.

Preparazione a modo mio:

Pulisco le alici staccando la testa dal corpo all’altezza delle branchie e tirando delicatamente verso la coda in modo da togliere anche le viscere e la lisca dorsale: con un po’ di pratica si ottengono rapidamente i filetti. A questo punto sciacquo bene dal sangue, asciugo con carta da cucina e adagio i filetti in una teglia abbastanza grande da formare un unico strato, quindi salo qb, aggiungo il succo degli agrumi, l’aceto, il pepe rosa e l’aneto sminuzzato. Lascio infine marinare in frigorifero per almeno 12 ore. Dopo la marinatura asciugo le alici che dispongo su un piatto da portata; insaporisco con le zeste degli agrumi e condisco con un filo di olio extravergine di oliva.

 

 

 

Coda di Rospo agli Agrumi e Melagrana

Rana pescatrice o Coda di rospo sono i nomi con cui è conosciuto il Lophius piscatorius pesce diffuso nel mare del Nord, Atlantico, Mediterraneo ed anche mar Nero; ed è un pesce prelibato dalle carni magre che ben si adatta a svariate preparazioni. Oggi vi propongo una ricetta fresca e sicuramente di effetto grazie all’uso degli agrumi che ben si sposano con la delicatezza delle carni .

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 filetti di coda di rospo – rana pescatrice ~ 500 gr;
  • 1 arancia;
  • 1 limone;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco;
  • una noce di burro;
  • farina qb;
  • aneto fresco;
  • 1/2 melagrana sgranata;
  • sale e pepe qb.

Preparazione a modo mio:

Taglio a bocconcini i filetti della coda di rospo e li infarino leggermente. In una padella lascio fondere il burro e non appena sarà color nocciola vi adagio il pesce che lascio dorare da entrambe le parti; regolo di sale pepe e sfumo con il vino che lascio evaporare quindi aggiungo il succo degli agrumi. Proseguo la cottura per 15 minuti e, quando ultimata, insaporisco con l’aneto fresco ed i chicchi di melagrana. Impiatto questa gustosa rana pescatrice con delle fettine di arancia pelate a vivo e decoro con zeste di arancia.