Gratin dauphinois profumato alla fava tonka

            
		
        

Le gratin dauphinois: un grande classico della cucina francese. Ci sono innumerevoli versioni, ma ricordate, la ricetta autentica è senza formaggio! Potrà essere un delizioso contorno oppure un piatto unico accompagnato da una bella insalata verde e da qualche salume nostrano. La mia versione prevede la fava tonka mentre solitamente viene profumato con la noce moscata. Délicieux!

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di patate tipo charlotte;
  • 20 cl di latte intero;
  • 20 cl di panna fresca;
  • 10 g di burro;
  • 1 spicchi di aglio;
  • sale, fava tonka qb.

Preparazione a modo mio:

Preriscaldo il forno a 180°. Sbuccio e poi affetto le patate a rondelle sottili aiutandomi con la mandolina quindi le dispongo in una casseruola insieme al latte ed alla panna; insaporisco con la fava tonka grattugiata ed aggiusto di sale. Metto la casseruola sul fuoco e porto a bollore, poi proseguo la cottura a fiamma dolce per circa 10 minuti e mescolando spesso per evitare che gli ingredienti si attacchino al fondo. Prendo la teglia da forno e prima la strofino con uno spicchio di aglio poi la imburro accuratamente quindi aggiungo la preparazione appena cotta e cospargo con alcuni fiocchetti di burro. Inforno per circa 50′ o fino a quando le patate saranno cotte e si sarà formato una deliziosa crosticina dorata sulla superficie.

Buon Appetito.

Ragù di coniglio e zafferano

Eccomi tornata!!!  dopo 2 mesi di assenza dal blog, causa connessione pessima e poco tempo a disposizione (ero in Valsavarenche – AO  a cucinare) oggi ho riaperto la stagione di scrittura delle mie ricette! Avevo un coniglio nel congelatore e una voglia irrefrenabile di pasta fresca … ho fatto due conti, un indagine delle provviste …  ed eccovi la mia nuova ricetta:

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 g di polpa di coniglio tagliata a dadini;
  • 90 g di pomodoro fresco privo di buccia e semi e tagliato a dadini;
  • 1 bustina di zafferano;
  • 1 spicchio di aglio;
  • 1 rametto di dragoncello fresco;
  • 1 bicchierino di grappa “Druissi”;
  • 1 mestolo di brodo;
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • farina bianca qb;
  • sale e pepe qb.

Preparazione a modo mio:

Per prima cosa disosso il coniglio e taglio la polpa a dadini. Le ossa le uso per il brodo:  che preparo insieme a sedano, carota e cipolla e lo userò per bagnare il ragù. In una casseruola scaldo l’olio e lo spicchio di aglio quindi quando colorito lo elimino. Unisco i dadini di coniglio (precedentemente infarinati) che faccio rosolare a fiamma vivace, sfumo con la grappa e lascio evaporare; insaporisco con il dragoncello sminuzzato e lo zafferano diluito in poco brodo caldo. Regolo di sale e pepe. Unisco i dadini di pomodoro e proseguo la cottura con il brodo. Con questo ragù ho condito dei maltagliati che avevo preparato freschi ma è ottimo con qualsiasi tipo di pasta! ho decorato il piatto con il dragoncello fresco sminuzzato.

Vellutata di Asparagi verdi con Cipollotti, Menta fresca e scaglie di Mandorle

Con il caldo in arrivo, oggi mi sono preparata una vellutata primaverile o da inizio estate, adatta ad una cena leggera e raffinata ma con poche calorie. Fresca e rinfrescante, ottima tiepida se non addirittura fredda! bon appétit

Ingredienti per 2 persone:

  • 250 g di asparagi verdi;
  • 1 cipollotto;
  • 1 patata media;
  • 4 foglie di menta fresca;
  • olio extravergine di oliva qb;
  • scaglie di mandorle qb;
  • sale e pepe qb.

Preparazione a modo mio:

Pulisco ed affetto il cipollotto, mondo e lavo gli asparagi, elimino la parte dura finale e taglio i gambi a rondelle. Tengo 4 punte per la decorazione del piatto. In una casseruola rosolo il cipollotto con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, aggiungo quindi gli asparagi e la patata tagliata a cubetti; lascio stufare qualche minuto. Copro le verdure a filo con dell’acqua calda leggermente salata e proseguo la cottura per 25 minuti circa. Nel frattempo sbollento le punte di asparagi in acqua bollente e quindi le raffreddo in acqua fredda. Frullo la minestra insieme alla menta fresca fino ad ottenere una vellutata liscia. Aggiusto la densità con acqua calda, eventualmente con un pizzico di sale e la servo tiepida guarnendola con le punte di asparagi, le scaglie di mandorle tostate ed un filo di olio extravergine di oliva.