Vellutata Fredda di Piselli con Seppioline Profumate al Limone e Cialda di Polenta

Ed ecco un’altro piattino che, dopo averlo cucinato ed impiattato, ha soddisfatto oltre al mio occhio anche il mio palato! la preparazione è semplice e veloce ed il risultato è un antipasto fresco, colorato ma pronto in pochi minuti. Gustatelo caldo o freddo sarà Une affaire de goût

Ingredienti per 2 persone:

  • 300 g di piselli freschi;
  • 150 g di seppioline;
  • 20 g di farina mais per polenta;
  • olio extravergine di oliva qb;
  • olio extravergine di oliva aromatizzato al limone;
  • sale e pepe di sechuan qb.

Preparazione a modo mio:

Sbollento i piselli in acqua bollente salata per 5 minuti dalla ripresa del bollore. Li raffreddo quindi in acqua e ghiaccio e successivamente li frullo insieme ad un cucchiaio di olio extravergine di oliva. Aggiusto la densità con l’acqua di cottura ed uso il setaccio per rendere la vellutata liscia. Taglio le seppioline a julienne e le faccio rosolare a fuoco vivace per 5 minuti con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva aromatizzato al limone, sale e abbondante pepe di sechuan. Compongo il piatto adagiando un mestolo di vellutata nella fondina poi le seppioline ed infine la cialda di polenta.

Per le cialdine di mais: Ho preparato una polentina tenerissima con 50 g di acqua: deve cuocere per pochi minuti e solo il tempo necessario a  farla addensare leggermente. Con l’aiuto di un pennello ho steso le cialdine su carta da forno che ho fatto asciugare in forno a 170° per pochi minuti. Le servo sempre belle croccanti.

Alici nel paese degli Agrumi

Le alici, una delizia questo pesce azzurro! mi piacciono molto fatte così: a parte il lavoro iniziale di pulitura, lungo, noioso ma relativamente semplice, il piatto è facilissimo e velocissimo da fare! mi raccomando: le alici devono essere freschissime e dovete passarle nell’abbattitore o nel congelatore, come dicono qui.  I problemi determinati dall’Anisakis, il parassita che possiamo trovare nel pesce crudo, possono essere molto gravi, pertanto fate le cose con attenzione. Il piatto io l’ho fatto e lo continuerò a fare rispettando quanto suggerito da Mauro Bertuzzi nel suo articolo.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di alici;
  • 200 g di succo d’arancia;
  • 100 g di succo di limone;
  • 2 cucchiai di aceto di mele;
  • sale qb;
  • pepe rosa in grani qb;
  • aneto fresco qb;
  • zeste di arancia e limone qb;
  • olio extravergine di oliva “Olio Flaminio D.O.P. UMBRIA”.

Preparazione a modo mio:

Pulisco le alici staccando la testa dal corpo all’altezza delle branchie e tirando delicatamente verso la coda in modo da togliere anche le viscere e la lisca dorsale: con un po’ di pratica si ottengono rapidamente i filetti. A questo punto sciacquo bene dal sangue, asciugo con carta da cucina e adagio i filetti in una teglia abbastanza grande da formare un unico strato, quindi salo qb, aggiungo il succo degli agrumi, l’aceto, il pepe rosa e l’aneto sminuzzato. Lascio infine marinare in frigorifero per almeno 12 ore. Dopo la marinatura asciugo le alici che dispongo su un piatto da portata; insaporisco con le zeste degli agrumi e condisco con un filo di olio extravergine di oliva.

 

 

 

Cocotte Gourmande con Salmone e Porro

Ecco una ricetta golosa e semplice da realizzare : “le uova in cocotte con salmone e porro”! la cocottina è proprio carina e fa sempre un bell’effetto a tavola! io l’ho servito come un antipasto raffinato e originale – anche se un po ‘nutriente’… Suggerisco di accompagnarlo con un “Erbaluce di Caluso”  dell’azienda agricola Orsolani di San Giorgio Canavese (TO) che ben si sposa con questo piattino. Bon appétit!

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 uova;
  • 1 porro piccolo (solo la parte bianca);
  • 50 g di salmone scozzese affumicato “Kv Nordic”;
  • una noce di burro;
  • 2 cucchiai di panna fresca;
  • sale qb;
  • pepe rosa in grani qb.

Preparazione a modo mio:

Per prima cosa ho pulito il porro eliminando la parte verde più dura, l’ho tagliato a rondelle e successivamente l’ho fatto appassire a fiamma moderata in padella con una noce di burro. Dopodiché ho imburrato leggermente le cocotte, quindi  ho disposto sul fondo un letto di porro e il salmone affumicato tagliato a striscioline sottili. A questo punto rompo delicatamente le uova al centro di ogni cocotte e facendo attenzione a non rompere il tuorlo; aggiusto di sale e pepe ed unisco il cucchiaio di panna fresca.  Inforno le cocotte a bagnomaria per 15 minuti a 180° finché l’albume si rapprende ma con il tuorlo che resta fluido. Servo accompagnando con dei crostini di pane tostato ed un ottimo vino bianco.