VIRGINIE'S BLOG

…prima o poi sceglierò una frase adatta a descrivere questo blog

Risotto con lo Sclopit (Silene, Strigoli, Stridoli, Carletti, Schioppettini)

Posted on | maggio 11, 2011 | 3 Comments

Ingredienti per 2:

  • 160 gr di riso;
  • 1 mazzetto di Sclopit; (Silene, Strigoli, Stridoli, Carletti, Schioppettini)
  • mezza cipolla;
  • burro e olio extra vergine di oliva;
  • Sale e pepe;
  • Parmigiano.

Preparazione a modo mio:

Faccio soffriggere la cipolla tritata con un pezzo di burro ed un cucchiaio di olio extra vergine di oliva, aggiungo lo sclopit e lo lascio appassire. Unisco il riso, che lascio tostare per un attimo, dopodiché porto il risotto a cottura con del brodo vegetale. Manteco infine con un pezzetto di burro e parmigiano grattugiato.

Silene vulgaris (detta anche strigoli, stridoli o carletti, sclopit, schioppettini,)

‘Pianta conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà mangerecce. Si può comprendere quindi l’abbondanza di nomi popolari: oltre a quelli citati “sonaglini” e “cavoli della comare”.
Il nome del genere (Silene) si riferisce alla forma del palloncino del fiore. Si racconta che Bacco avesse un compagno di nome Sileno con una gran pancia rotonda. Ma probabilmente questo nome è anche connesso con la parola greca “sialon” (= saliva); un riferimento alla sostanza bianca attaccaticcia secreta dal fusto di molte specie del genere.
I calici rigonfi sono persistenti e mantengono la forma a palloncino che anzi nel tempo si irrigidisce per cui alla fine dell’estate si possono far scoppiare battendoli con la mano da qui un altro nome popolare: “schioppetini”. http://it.wikipedia.org/wiki/Silene_vulgaris

L`uso alimentare delle cime e delle foglie dello Sclopit ha una diffusione nazionale. Nel Bresciano si fanno cuocere con pochissima acqua in pentola coperta e si servono come contorno di salumi cotti. Nella stessa regione si impiegano per saporiti risotti magri (ARIETTI, 1974). Nel Veneto sono ricercati per zuppe, minestroni e, specialmente, per le classiche minestre di riso e fritture d`erbe. In Toscana sono consumati cotti, a guisa degli spinaci, oppure adoperati per il ripieno delle torte senesi o delle torte salate lunigiane (CORSI e PAGNI, 1979a). In Romagna si utilizzano come colorante nella pasta verde, come aromatizzante nei tortellini di ricotta e per fare le tipiche piadine. A Rimini si adoperano per preparare insalate crude, pastasciutta e ravioli. ‘http://www.dipbot.unict.it’

Comments

3 Responses to “Risotto con lo Sclopit (Silene, Strigoli, Stridoli, Carletti, Schioppettini)”

  1. Risotto al Luppolo Selvatico e Pepe del Bengala | VIRGINIE'S BLOG
    gennaio 17th, 2013 @ 16:19

    […] un risotto al giorno in questo periodo! Spuntano le prime erbe selvatiche e dopo le ortiche ed i carletti ecco che nascono anche i cd bruscandoli (chiamati anche lavartis oppure, ma erroneamente asparago […]

  2. Sbiobs
    aprile 27th, 2013 @ 19:22

    anche ‘broccoli di montagna’ nel salernitano

  3. virginie
    maggio 14th, 2013 @ 17:22

    Grazie Sbibios
    Virginie

Leave a Reply





  • Il mio Olio Preferito

  • iscriviti alla Newsletter!!!

    Inserisci la tua mail qui per ricevere subito la notifica se ho pubblicato una nuova ricetta!

  • lacucinadivirginie

    Visualizza Profilo Completo →

  • Cose del passato

  • licenza

    Licenza Creative Commons
    Ricette ed immagini by Virginie.it is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.
    Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.virginie.it.
  • Su Facebook!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: