Stufato di Agnello Alla Birra

Alcuni giorni fa sono stata a trovare a Montegrotto il mio amico Giuseppe Rossetto. Abbiamo chiacchierato un po’ ed alla fine mi ha voluto donare una sua birra molto particolare… aromatizzata al caffè!!! Cavolo, mi son detta… ed ora che faccio? L’agnello è una delle mie carni preferite; in Francia lo si prepara spesso con la birra piuttosto che con il vino ed avendo tutti gli ingredienti ho voluto provare. Il risultato una carne morbidissima e profumatissima! Ecco quindi un modo diverso di preparare l’agnello, usate pure altri tipi di birra: magari una buona belga come alternativa sarà un successo! à consommer sans modération bon appétit!

Ingredienti per 4 persone:

  • 1,2 kg circa di agnello a pezzi;
  • 2 cipolle;
  • 75 cl di birra aromatica al caffè Blu Montain;
  • 1 foglia di alloro;
  • sale, alcuni grani di pepe di szechuan;
  • 2 cucchiai di burro chiarificato o strutto qb.

Preparazione a modo mio:

In una casseruola con del burro rosolo la carne  a fuoco vivace rigirandola spesso; quando è pronta la tolgo e nella stessa padella metto le cipolle precedentemente affettate sottilmente. Lascio brasare per circa 10 minuti, quindi aggiungo la carne, la sfumo con la birra e porto ad ebollizione; insaporisco con l’alloro ed aggiusto di sale e pepe. Copro, abbasso la fiamma e porto a cottura: ci vorrà circa un’ora a fuoco dolce. Appena pronto tolgo la carne e filtro il fondo di cottura; servo ben caldo magari con delle patate novelle lesse o un bel purè. La cottura può variare in funzione della taglia dei pezzi di carne.

 

Carnaroli Pollo e Birra

Encore un risotto… Mais oui! Il pollo nel risotto… che cosa mi è saltato in mente… forse il frigo vuoto e una fame diabolica o forse un attimo di ispirazione geniale??? Beh ça va sans dire ho salvato il pranzo! Il pollo era morbidissimo, il risotto cremoso con un retrogusto piacevolmente amarognolo. Bon appétit!

Ingredienti per 2 persone:

  • 160 g di riso Carnaroli;
  • 60 g di porro;
  • 130 g di petto di pollo;
  • 40 g di parmigiano grattugiato;
  • brodo di pollo o vegetale qb;
  • 1/2 bicchiere di birra doppio malto (io ho usato la tennent’s);
  • 25 g di burro;
  • sale e pepe del bengala qb.

Preparazione a modo mio:

In una casseruola lascio appassire il porro affettato sottilmente insieme alla metà del burro; aggiungo un pizzico di sale continuo la cottura per 5 minuti a fiamma bassa. Tolgo il porro e lo metto da parte; nella stessa casseruola faccio rosolare per 2-3 minuti il petto di pollo tagliato a cubetti e lo salo leggermente. Metto da parte il pollo e aggiungo il riso che faccio tostare: sfumo quindi con la birra e proseguo la cottura bagnando con il brodo caldo. Cinque minuti prima di fine cottura del riso unisco il porro e i bocconcini di pollo. Manteco con il burro rimasto, il parmigiano e una generosa spolverata di pepe del bengala. à table, c’est prêt !

 

Cinghiale Stufato alla Guinness

Mentre guardavo la vetrina del mio macellaio di fiducia ho notato un bel pezzo di carne scura… “cinghiale” mi son detta … ” … e guinness scura” …  E’ arrivato il fresco e con lui ritorna la voglia di “spignattare” in modo creativo …! Inoltre, siccome era avanzato un po’ di stufato l’ho usato per condire delle pappardelle squisite! Bon Appétit 

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr di polpa di cinghiale;
  • 1 cipolla;
  • 1 carota;
  • 1 spicchio di aglio;
  • 1 gambo di sedano;
  • farina qb;
  • brodo di carne o vegetale;
  • 1 foglia di alloro;
  • 4 bacche di ginepro;
  • 1 lattina di Guinness (33cl);
  • burro chiarificato qb;
  • sale e pepe qb.

Preparazione a modo mio:

Taglio la polpa di cinghiale a pezzi che poi infarino e quindi faccio rosolare nel burro a fiamma vivace. Taglio le cipolle ed il sedano a brunoise mentre la carota a tocchetti infine li unisco alla carne ben rosolata. Lascio soffriggere il tutto per circa 10 minuti; a questo punto sfumo con la birra e aggiungo le bacche di ginepro e la foglia di alloro. Regolo di sale e pepe quindi proseguo la cottura a fuoco lento per circa 1 ora o finché la carne non risulta tenera. Bagno con del brodo caldo in modo che la carne sia sempre immersa nel suo sugo.